Genitori Preoccupati Scuola Leonardo da Vinci

dicembre 2, 2008

in consiglio di zona… (dopo partita)

Filed under: iniziative in zona 3 — ldvscuola @ 11:48 am
Tags:

Ieri, 1 dicembre, c’è stata una serata sul tema ‘RIFORMA SCOLASTICA’ organizzata dal CDZona 3.

I genitori dei comitati delle varie scuole di zona 3 avevano chiesto, un mese fa, una seduta aperta del Consiglio di Zona per discutere della ‘RIFORMA’ Gelmini.

Gli assessori comunali Moioli e Regionale Russoni (invitati dal Consiglio di Zona 3 ) avevano di meglio da fare e hanno pensato bene di evitare questo confronto con i genitori.

Vi è stata una comunicazione di ca 25′ dell’On Frassinetti (deputato di maggioranza, della Commissione Cultura della Camera) che ha illustrato il parere favorevole della Commissione al DL Gelmini, con le varie annotazioni (disponibili nei documenti informativi qui a fianco) seguita da una comunicazione della Senatrice del PD Marilena Adamo, che ha contestato il modo in cui è stata gestita tutta la vicenda e il merito di alcuni provvedimenti (che tipo tempo pieno, specializzazione insegnanti inglese, contraddizione tra parere Commissione Cultura e Bilancio , voti in decimi etc ).

Vi è stato un po’ di tensione quando un genitore- che portava la sua esperienza di genitore di figli adottati extracomunitari – stava facendo una domanda sulla ‘mozione cota’ ed è stato ripetutamente interrotto da un deputato di maggioranza ( ‘consulente della Gelimini’). Da questo episodio si è instaurato un clima un po’ teso che poi è rimasto un po’ per tutta la parte del dibattito.

Verbale riunione di un genitore presente ieri: resoconto_incontro_cdz3_011208

**** NEWS del 3-12: : I comitati di zona 3 hanno ringraziato il CDZona3, l’on Frassinetti e la sen Adamo , chiedendo al CDZona 3  un nuovo incontro a finanziaria &decreti attuativi approvati (gen/feb 09) : questa è la lettera  ringraziamenti-cdzona3-e-nv-incontro

Impressioni? lasciateli cliccando su commenti

Annunci

3 commenti »

  1. Un incontro interessante.
    Abbiamo avuto modo di capire che attualmente davvero esiste una differenza di vedute all’interno della maggioranza.
    Vedremo se vincerà la posizione di ‘rispetto della volontà delle famiglie’ o la posizione dei tagli alla scuola pubblica.
    Si tratta di aspettare ancora per poco, a dicembre con la finanziaria l’arcano sarà sciolto.
    marina

    Commento di Marina Bozza — dicembre 2, 2008 @ 2:39 pm

  2. Anche per me è stato interessante… mi hanno colpito alcune affermazioni della Frassinetti, come:
    – quello della Gelmini non è una riforma ( non lo diciamo da settembre?)
    – secondo il parere della Commissione, il tempo pieno deve essere con 2 docenti e la compresenza delal insegnanti (…vediamo quando Tremonti se ne accorge cosa dice…)
    – effettivamnete, 150 ore per insegnare inglese sono un po poche…(non lo diciamo anche questo da settembre?)
    – Le classi ponte sono un contentino ‘politico alla lega’ e resteranno lettera morta (la Moiolo ha detto che sono inapplicabili- certo che giocare su questi temi è molto pericoloso, come abbiamo visto in questi mesi)

    insomma…forse chi in questi mesi protestava contro lo scempio Gelmini non aveva tutti i torti…

    MI è rimasta la curiosità di capire su quali dati scientifici la Frassinetti dice che ‘anche quando c’era il maestro unico la scuola primaria italiana era in testa alle graduatorie’. I dati di riferimneto PIRLS, TIMMS citati dall’OCSE partono rispettivamente dal 2001 e 1995 , e quindi un bel pezzo dopo l’abolizione del maestro unico.
    Però a questa domanda non ha risposto. Così non ha risposto alla domanda chiave, cioè come si può conciliare i risparmi di 8 mld di Euro con il parere della Commissione. La Frassinetti dice che il parere della commissione è vincolante e che non possono farne carta straccia….Sono ottimista, e spero vivamente che abbia ragione. Ma non ha cordoni del portafoglio: quelli li ha Tremonti. In ogni caso …a dicembre vedremo.
    In ogni caso ho ringraziato personalmente la Frassinetti per aver affrontato il dibattito e non essersi sottratta, come i nostri casi assessori comunali e regionali.
    Un grazie anche alla Marilena Adamo che ha riconosciuto che le contraddizioni emerse tra la ‘linea Gelmini’ e il parere della Commissione sono dovute alla forza della protesta sociale emersa in questi mesi.

    Ringrazio anche l’onorevole (?) Stracquadanio che ha strumentalmente interrotto più volte la domanda di un genitore, creando ad arte, per alcuni minuti, un clima teso. DEvo dire , si è vista nettamante la differenza tra chi vuole in ogni caso interloquire (On Frassinetti) e chi invece cercava solo di disturbare e far casino…insomma, finalmente ho visto un facinoroso! Grazie Stracquadanio!

    Angelo

    Commento di angelo — dicembre 2, 2008 @ 8:29 pm

  3. Io invece purtroppo non ho trovato interessante la serata. Anzi, la definirei piuttosto deprimente. C’era un relatore (della maggioranza) che non sapeva come spiegare le cose, che non aveva idea di cosa rispondere alle domande su come pensano di conciliare i tagli al bilancio e il mantenimento del tempo pieno. In alcuni momenti è stata così tanto in difficoltà, che ha dovuto ammettere che la sua posizione personale forse era un po’ diversa da quella della Gelmini. E’ vero che questo ci dà modo di pensare che la maggioranza non sia completamente solidale, ma francamente ritengo che una persona che si presenta in un’assemblea pubblica debba andarci sapendo argomentare il punto di vista che rappresenta (in questo caso quello del Governo). Altrimenti, avrebbe potuto utilizzare questa divergenza di opinioni per dire che AN cercherà di farsi portatore all’interno della maggioranza di un diverso punto di vista. Ma niente di tutto ciò è successo. L’impressione quindi è che l’onorevole Frassinetti si sia trovata spiazzata (in primo luogo forse dal parere della Commissione), che pensava di potere arrivare, raccontare la favoletta e chiudere la serata.
    Scusate, ma avrei preferito avere a che fare con un interlocutore diverso, perché tutto ciò mi conferma la triste convinzione di essere in un Paese da operetta.
    E poi naturalmente la chicca è stata il signore che pensava di potere fare il relatore stando nel pubblico. Altro esempio di grande levatura etica e politica. E per di più c’è anche chi ha pensato che fosse lui la vittima di una congiura e si è affrettato a stringergli la mano…si sa che fra perseguitati ci si intende. Ma una serie di domande sorgono spontanee. Non ha cominciato il suddetto signore a interrompere e a chiosare sulla correttezza delle parole, togliendo (o cercando di farlo) la parola a un genitore? Com’è che poi è passato lui per vittima? Questi signori non rappresentano la maggioranza? Com’è che si sentono continuamente attaccati e perseguitati come se fossero una marginale minoranza? Scusate, ma in tutto ciò qualcosa non torna. Vorrei solo non avere visto tanta pocaggine. Una sola cosa mi consola: consumarsi le scarpe andando in manifestazione, cercare di partecipare alla vita pubblica anche non sedendo nei banchi delle Istituzioni non è inutile.
    buona serata a tutti
    chiara

    Commento di chiara berardi — dicembre 4, 2008 @ 5:24 pm


RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: