Genitori Preoccupati Scuola Leonardo da Vinci

novembre 6, 2008

Tagli SOLO alla scuola pubblica! ALLE PRIVATE? NO!

Filed under: in difesa della scuola pubblica,rassegna stampa — ldvscuola @ 7:58 pm
Tags: ,

Sembra che la necessità di risparmiare soldi vi sia solo se si tratta di scuola pubblica.

Nel piano ‘Gelmini Tremonti’ erano previsti tagli per 132 milioni anche nalla scuola ‘paritaria’ (contro gli 8 miliardi della scuola pubblica)…erano , perchè i ministri competenti si sono affrettati a dichiarare che questi tagli -PER LA SCUOLA PRIVATA- saranno eliminati nella manovra di fine anno.

PERCHE’ QUESTO ACCANIMENTO CONTRO LA SCUOLA PUBBLICA?

Vedi articolo allegato.

————————————————-

RASSEGNA STAMPA: EPOLIS del3 Novembre 2008 (pag 13)

articolo1

Annunci

2 commenti »

  1. Devo dire che questa notizia mi ha molto colpito. Fa sorgere il dubbio che vi sia effettivamente una volontà persecutoria contro la scuola pubblica.
    Torna alla mente sempre quel discosro di Calamandrei (uno dei costituenti della repubblica italiana)

    “Facciamo l’ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuole fare la marcia su Roma e trasformare l’aula in un alloggiamento per manipoli; ma vuole istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di stato hanno il difetto di essere imparziali. C’è una certa resistenza; in quelle scuole c’è sempre, perfino sotto il fascismo c’è stata. Allora, il partito dominante segue un’altra strada (è tutta un’ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia perfino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di stato. E magari si danno dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A “quelle” scuole private. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo apertamente trasformare le scuole di stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tenere d’occhio i cuochi di questa bassa cucina. L’operazione si fa in tre modi, ve l’ho già detto: rovinare le scuole di stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico.”

    Trovo queste parole di una drammatica attualità.

    Commento di angelo — novembre 7, 2008 @ 2:23 pm

  2. Hmm it appears like your blog ate my first comment (it was extremely long)
    so I guess I’ll just sum it up what I submitted and say, I’m
    thoroughly enjoying your blog. I as well am an aspiring blog blogger but I’m still new to the whole thing. Do you have any suggestions for novice blog writers? I’d certainly appreciate it.

    Commento di Vapor Ultra — aprile 23, 2013 @ 3:20 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: